Menu principale

Menu di navigazione

Amministrazione Trasparente

Fondazione Stava 1985 - Onlus

di Lunedì, 10 Novembre 2014 - Ultima modifica: Lunedì, 05 Febbraio 2018
P.IVA o Codice Fiscale
01748010228

Dopo una lunga fase di preparazione, la Fondazione Stava 1985 è stata costituita con atto notarile il 7 febbraio 2002. La Fondazione Stava 1985 è un'organizzazione non lucrativa di utilità sociale Onlus ed ha sede a Tesero. 

Soci fondatori
 Soci fondatori sono l'Associazione sînistrati Val di Stava, la Magnifica Comunità di Fiemme e i Comuni di Tesero, Longarone e Cavalese. La Regione Autonoma Trentino Alto Adige può formalizzare la sua adesione entro tre anni dalla costituzione.

L'atto costitutivo è stato sottoscritto dal presidente dell'Associazione Sinistrati Val di Stava Graziano Lucchi, dallo scario della Magnifica Comunità di Fiemme Elio Partel e dai sindaci di Tesero Giovanni Delladio, di Longarone Pierluigi De Cesero e di Cavalese Mauro Gilmozzi.

Soci onorari e soci sostenitori
 Presso la Fondazione è istituito l'Albo d'Onore dei Soci Onorari nel quale vengono iscritti, previa deliberazione del Consiglio di Amministrazione, le persone fisiche, gli Enti pubblici e privati che contribuiscono al perseguimento dei fini statutari con apporto di risorse finanziarie, meriti culturali o professionali.

Vengono iscritti nell'Albo d'Onore dei Soci Onorari quanti hanno acquisito meriti particolari nel sostenere l’attività della Fondazione con il loro impegno professionale reso a titolo gratuito o con un apporto finanziario non inferiore a 3.000 Euro. Vengono iscritti all’Albo dei Soci sostenitori quanti finanziano l’attività della Fondazione con contributi di importo non inferiore a 500 Euro.

Obiettivi, scopi e finalità
 L'attività della Fondazione Stava 1985 è volta a:

- mantenere la memoria storica della catastrofe del 19 luglio 1985 in Val di Stava, del 9 ottobre 1963 in Longarone e del 3 febbraio 1998 della funivia del Cermis in Cavalese e, comunque, di disastri dovuti all'incuria dell'uomo;

- rafforzare la cultura della prevenzione, della corretta gestione del territorio e della sicurezza, la cui mancanza è stata causa di queste ed altre catastrofi.

- fare in modo che il risarcimento del danno diventi un elemento deterrente per evitare il ripetersi di eventi simili, causati dal comportamento umano colposo.

Attività
 La Fondazione Stava 1985 potrà promuovere ed organizzare iniziative scientifiche, culturali, di ricerca, di studio e di promozione nel campo della sicurezza della vita umana o dell'ambiente, laddove interventi di attività umane possono costituire rischio per la sicurezza delle popolazioni.

Altre iniziative saranno dedicate alla solidarietà nei confronti dei superstiti e dei familiari delle vittime di disastri causati da comportamenti umani colposi, con lo scopo di aiutarli ad ottenere il risarcimento dei danni per far sì che il risarcimento diventi un elemento deterrente al fine di evitare il ripetersi di eventi simili a quelli della Val di Stava, del Vajont e del Cermis.

Un altro obiettivo in questo contesto sarà quello di rendere palese la convenienza economica degli investimenti nella sicurezza e nella prevenzione rispetto al costo dei risarcimenti. Parimenti sarà stimolata la prassi da parte di coloro che svolgono attività economiche pericolose di dotarsi di adeguate coperture assicurative, introducendo così altri meccanismi di controllo sulle stesse attività economiche pericolose.

Consiglio di Amministrazione
 Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Stava 1985 è così composto: 

Graziano Lucchi (presidente);
 Carlo Dellasega (vicepresidente vicario);
 Francesco Zanon, Innocenza Zanon, Giacomo Vinante, Giovanni Danielis, Luigi De March, Massimo Cristel, Giuseppina Vanzo, Alberto Volcan..

Collegio dei revisori dei conti

Il Collegio dei revisori dei conti è così composto: dott. Carlo Delladio (presidente), rag. Andrea Varesco, nominati dall'Associazione Sinistrati Val di Stava; rag. Maria Vinante, nominata dal Comune di Tesero.

Indirizzo e recapiti

indirizzo mail: info@stava1985.it

Tel. +39.0462.814060

Mobile +39.347.1049557 Longo Michele (responsabile)

Tipologia
Ente di diritto privato controllato
Funzioni attribuite
La Fondazione, intende perseguire le finalità della organizzazione non lucrativa di attività sociale, ai sensi del D. Lgs. 4.12.1997, n. 460 e non ha scopo di lucro. Essa ha come scopo principale la tutela e la valorizzazione della natura e dell'ambiente, nonchè, in modo particolare, quello di svolgere attività volte al perseguimento di finalità di solidarietà sociale - anche di tipo giuridico - rese a persone bisognose, che si trovano in situazioni analoghe o simili a quelle dei disastrati della Val di Stava, di Longarone e del Cermis, causate dal comportamento umano colposo. La Fondazione intende mantenere la memoria storica del disastro del 19 luglio 1985 in Val di Stava, del 9 ottobre 1963 in Longarone e del 3 febbraio 1998 della funivia del Cermis in Cavaòese e, comunque, di disastri dovuti all'incuria dell'uomo, con iniziative scientifiche, culturali e promozionali. Al fine del conseguimento dello scopo sociale, la fondazione potrà promuovere e organizzare tutte quelle iniziative scientifiche, culturali, di ricerca, di studio e di promozione nel campo della sicurezza della vita umana, nell'ambito dell'ambiente danneggiato da attività umane ecc., concedendo sovvenzioni, premi e borse di studio e promuovendo la raccolta di fondi in denaro da destinare agli scopi anzidetti. Per il raggiungimento dei suoi scopi, la fondazione potrà tra l'altro: stipulare ogni atto o contratto per gestire e finanziare le proprie attività, nonchè stipulare convenzioni, con enti pubblici e privati, idonee al raggiungimento degli scopi della Fondazione; stipulare convenzioni per l'affidamento in gestione di determinate attività; partecipare ad associazioni, enti ed istituzioni, pubbliche e private, la cui attività sia attinente agli scopi della Fondazione, nonchè concorrere alla costituzione degli stessi; svolgere, in via accessoria e strumentale al perseguimento degli scopi istituzionali, attività di commercializzazione, anche con riferimento al settore dell'editoria e degli audiovisivi ed a quello degli articoli accessori di pubblicità. La Fondazione non potrà contrarre debiti e prestare garanzie per un importo superiore al 70% (settanta per cento) del patrimonio risultante dall'ultimo bilancio. E' fatto divieto alla fondazione di svolgere attività diverse da quelle istituzionali suddette, ad accezione delle attività direttamente connesse e nel rispetto delle condizioni e dei limiti di cui all'art. 10, co. 5 , del D.Lgs. 4.12.1997, n. 460.
Ragione sociale
Fondazione Stava 1985 - Onlus
Partecipazione
Diretta
Durata dell'impegno
tempo indeterminato
Onere complessivo a qualsiasi titolo gravante per l'anno sul bilancio dell'amministrazione
4500
Numero dei rappresentanti dell'amministrazione negli organi di governo
3
Trattamento economico complessivo spettante a ciascun rappresentante dell'amministrazione
Nome e cognomeRuoloCompenso (in Euro)
Elena Ceschini consigliere 0,00
Roberto Fanton consigliere 0,00
Alan Barbolini consigliere 0,00
Dati relativi agli incarichi di amministratore dell'ente (Società) e il relativo trattamento economico complessivo
Nome e cognomeRuoloCompenso (in Euro)
Elena Ceschini consigliere 0,00
Roberto Fanton consigliere 0,00
Alan Barbolini consigliere 0,00
Risultati di bilancio degli ultimi tre esercizi finanziari
AnnoImporto (in Euro)
2011 - 3.032,65 perdita di esercizio
2012 - 78,04 perdita di esercizio
2013 - 12.739,22 perdita di esercizio
2014 -10.308,92 perdita di esercizio
2015 -11.873,90 perdita di esercizio
2016 + 31.771,63 avanzo di esercizio
Collegamento al sito istituzionale della società partecipata nel quale sono pubblicati i dati relativi ai componenti degli organi di indirizzo politico e ai soggetti titolari di incarichi dirigenziali, di collaborazione o consulenza
Data di inizio partecipazione
27/06/2001